TeatrinoB19_social_web_header_piccola


Teatrino Bastardo 2019
laboratorio permanente
di Teatro per ragazzi
Palermo, 7 gennaio - 5 giugno 2019

ideazione e cura
Associazione culturale Teatro Bastardo
coorganizzatore
Museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino
direzione artistica
Giovanni Lo Monaco

iscrizioni aperte dal 14 novembre  al 13 dicembre 2018


PIANO DIDATTICO/FORMATIVO

FINALITÀ GENERALI E METODICHE

Le attività proposte da Teatrino Bastardo sono informate ad una pedagogia che mira a sviluppare il benessere della persona nel gruppo e la sua capacità di sapersi relazionare in modo efficace, pertinente e collaborativo. I programmi si articolano in modo da rispettare la peculiare fase di crescita e di formazione dei ragazzi e delle ragazze, valorizzando le loro diversità di pensiero, di genere, di atteggiamento sociale, allo scopo di rendere fluide le barriere che possono impedire un sano e armonioso sviluppo della personalità. Attraverso la metodologia del gioco e dell’improvvisazione si tenterà di dare voce al mondo emotivo degli allievi, sollecitando la capacità di manifestare, riconoscere e nominare i propri sentimenti in diverse situazioni.

 

OBIETTIVI

  • Imparare a esprimere in modo costruttivo la propria creatività e la propria energia;
  • scoprire e imparare ad usare il proprio corpo e la propria voce come strumento di espressione artistica;
  • valorizzare le capacità creative del singolo all’interno del gruppo e canalizzarle in maniera opportuna e funzionale;
  • sviluppare e imparare a gestire la dimensione relazionale;
  • usare il mezzo delle improvvisazioni per imparare a interpretare i personaggi e per cogliere il clima emotivo delle situazioni sceniche;
  • apprendere il valore della mimesi per interpretare un personaggio;
  • imparare a cooperare nei piccoli e nei grandi gruppi;
  • imparare ad ascoltarsi e ad ascoltare gli altri;
  • apprendere lo stare in scena;
  • comprendere la struttura dei testi teatrali;
  • individuare e riconoscere gli elementi principali di un testo teatrale;
  • sapere produrre semplici testi teatrali;
  • conoscere la struttura di uno spettacolo: individuare i suoi elementi essenziali, ruoli e funzioni
    di chi lo realizza.

 

CONTENUTI

Esercizi di coordinamento motorio, gestione e controllo dell’energia; variazioni di ritmo della parola e dell’azione, uso consapevole di gestualità e vocalità in una situazione data; improvvisazioni guidate, invenzione di scene a più personaggi; lo spazio come risorsa scenica e comunicativa; la scrittura drammaturgica.

Al termine del ciclo triennale di attività, gli allievi si esibiranno in un saggio teatrale conclusivo.


LOGHI_compo

Teatrino Bastardo 2019

sede attività
Museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino
Piazzetta Antonio Pasqualino 5, Palermo

info
www.teatrobastardo.org

iscrizioni
A partire dal 14 novembre fino al 13 dicembre 2019, presso il Museo Pasqualino (mercoledì e giovedì, dalle 15 alle 17.30), o telefonando agli stessi orari ai numeri:  338 4206007 e 091 328060.


#TB SOCIAL

minisocial_fb minisocial_tw

TeatrinoB19_social_web_header_piccola


FACEBOOK

Festival Teatro Bastardo

3 settimane 3 giorni fa

#teatro #identità / #SilviaCalderoni Ci fa piacere condividere una recente intervista alla grande artista Silvia Calderoni, che abbiamo avuto come ospite, giurata e performer a Palermo, con il SICILIA QUEER filmfest e con il Festival Teatro Bastardo. Una presenza che lascia il segno. IO SONO IL MIO CORPO PAC incontra Silvia Calderoni «In tutte le rappresentazioni, ma in quest’opera in particolare [“MDLSX”, di Daniela Nicolò e Silvia Calderoni, con Silvia Calderoni, produzione Motus], il ruolo dello spettatore è fondamentale. Stiamo parlando di uno spettacolo in cui il confine tra finzione e realtà è molto labile; questo rende chi mi guarda estremamente coinvolto nella recita e ciò aiuta tanto anche me. Sento questa “tensione” che si crea tra me e la platea. Siamo quasi a 250 repliche di MDLSX e potrei ormai farlo in un modo un po’ meccanico – “mettere in scena il morto” dico – ma non lo faccio, perché nasce come un’esigenza di tenere sempre qualcosa che mi sorprenda internamente, un ritmo nuovo. Deve esserci qualcosa di vivo. La componente pubblico fa si che io mi emozioni ancora a fare questo lavoro. Non potrei altrimenti.». intervista di Marco Baldari | «PAC», 24 gennaio 2019 #leggitutto https://paneacquaculture.net/2019/01/24/pac-incontra-silvia-calderoni-io-sono-il-mio-corpo/ * Foto…