#TEATRO | #cunti #tradizionemoderna
FIABE SICILIANE

Continua la collaborazione tra Teatro Bastardo e il Museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino, sostenitore del nostro festival sin dalla sua prima edizione.
Dal 26 dicembre un nuovo spettacolo diretto da Giovanni Lo Monaco ci accompagnerà fino alla fine dell’anno. Anteprima il 20 dicembre (ore 18.00) con le prove aperte al pubblico fino a giorno 23.

26/31 dicembre 2017 | Museo internazionale della marionette Antonio Pasqualino
FIABE SICILIANE
tratte dalle raccolte di Giuseppe Pitrè
regia e adattamento di Giovanni Lo Monaco
produzione Museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino
lettura di Aurora Quattrocchi e Marìka Pugliatti
accompagnamento musicale di Maria Grazia D’Alessio

Spettacolo prove aperte: dal 20 al 23 dicembre, ore 18.00
Spettacolo: dal 26 al 30 dicembre 2017, ore 17.30; 31 dicembre, ore 11.00
ingresso: intero 5 Euro / ridotto 3 Euro

* Lo spettacolo è consigliato a un pubblico di bambini dai sette anni in su.


TB17-13_fiabesiciliane_B-b
* illustrazione tratta da Jessie Willcox Smith


FIABE SICILIANE è un viaggio nel passato, un modo per far conoscere alle nuovissime generazioni le storie della nostra tradizione, i ‘cunti’ narrati di sera dai nonni e dalle nonne attorno al braciere.
Si tratta di racconti, storie raccolte da Giuseppe Pitrè e trascritte in lingua italiana da Italo Calvino: alcune di origine palermitana (Gràttula BeddàttulaSfortuna), una dalla provincia di Trapani, da Salaparuta (Il figlio del Re nel pollaio) e l’ultima nissena (Il sorcetto con la coda che puzza).

Le fiabe affrontano stereotipi culturali di varia natura: dalla sfortuna legata all’avere figlie femmine, al nascere poveri in canna ed essere apprezzati solo perché si è stati capaci di un riscatto sociale. Lo spettacolo – una lettura drammatizzata e musicata delle fiabe – si presta a divenire spunto di riflessione su alcune mutazioni antropologiche che si sono verificate in meno di un secolo (soprattutto nel mondo occidentale), intorno alle questioni di “genere” e di “discriminazione sociale”, e che pur nella loro stringente attualità possono trovare conferma nella nostra tradizione.


Giovanni Lo Monaco | maestro di scuola elementare, psicologo clinico dello sviluppo, nonché drammaturgo e regista teatrale. Ha debuttato in teatro da giovane come attore, lavorando con Roberto Guicciardini, Luca Ronconi e altri grandi maestri del teatro italiano. È stato uno dei fondatori del Sicilia Queer filmfest di Palermo, realtà cinematografica radicata nel territorio e internazionale per vocazione. Nel 2015 ha ideato il festival Teatro Bastardo, di cui attualmente è il direttore artistico. Il suo primo spettacolo da drammaturgo e regista è stato You know (2012), il più recente O come buco (2017), una produzione del Teatro Biondo, Stabile di Palermo.


tb16_foto_conferenzastampa_11
* Giovanni Lo Monaco (ph. Angelo De Stefani)