«Cari amici di Teatro Bastardo,

si è appena conclusa la terza edizione del nostro giovane festival, sono state tre settimane intensissime – e molto più lunga e altrettanto intesa è stata la preparazione di tutti i dettagli –, ma anche se stremati vogliamo spendere le ultime energie per dire grazie a voi, il nostro pubblico, sempre più numeroso, attento, esigente. Il vostro calore è la cartina di tornasole che conferma la nostra idea di fondo: il “teatro contemporaneo” serve, è necessario, per misurare e comprendere la realtà che ci circonda, assedia, in continuo cambiamento, sempre sull’orlo di una crisi o di una rinascita, proprio come la nostra città.

Il mio secondo grazie – un applauso – va allo staff di Teatro Bastardo e a tutti i volontari che si sono impegnati a fondo, senza risparmiarsi, non badando al tempo e ai ruoli assegnati, mettendocela tutta per contribuire alla riuscita del festival.
Infine, un ringraziamento speciale va all’Assessorato alla Cultura del Comune di Palermo, all’Assessorato del turismo e dello spettacolo della Regione siciliana, nonché al Teatro Biondo, al Museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino, al Sicilia Queer e a SudTtitles, al Goethe-Institut e all’Institut Français di Palermo, alla rete Latitudini, alla Fondazione Ignazio Buttitta, al Cidi di Palermo, a Palazzo Branciforte, agli sponsor e alla stampa e ai giornalisti, ai blog e ai nostri media partner, e ancora a Roberto Alajmo, Rosario Perricone, Andrea Porcheddu, Filippa Ilardo, Gigi Spedale, Paola Nicita, e tutti quelli che ci hanno sostenuto. Senza di loro questa edizione non sarebbe stata possibile.
Grazie a tutte e a tutti!»

Giovanni Lo Monaco
direttore artistico
Festival Teatro Bastardo


A PRESTO (MOLTO PRESTO)
Le attività di Teatro Bastardo continuano e già a partire da novembre partirà una nuova avventura con l’inaugurazione del “Teatrino Bastardo”, uno spazio laboratoriale per i più piccoli, in collaborazione col Museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino.


TB17-19-B_saluti-applausi
ph. Angelo De Stefani (#TB17)