Il Festival Teatro Bastardo vi offre un secondo sguardo sull’universo femminile secondo la visione de La società dello spettacolo, con Io sono non amore” di Michelangelo Bellani, regia c.l.Grugher (Teatro Biondo/Sala Strehler | venerdì 2 dicembre, ore 18.30).

Io sono non amore”, ispirato all’esperienza della terziaria francescana Angela da Foligno sonda la personalità molteplice di una delle più rilevanti figure femminili del Medioevo e del pensiero cattolico.

Come dentro una macchina del tempo, l’esperienza di Angela compie un salto in avanti di circa 800 anni. Chi è questa Angela contemporanea che vive nella stessa Foligno dei nostri giorni? Come sarebbe ‘vedere’ e ‘parlare’ con Dio, nei luoghi della città attuale? L’esperienza mistica di Angela è fortemente legata all’esperienza dei luoghi e dei loro ricordi: un legame topografico che è il fondamento su cui si basa la narrazione. Lo spettacolo, che parlando di Angela vuole capire se (r)esiste un ‘luogo’ del sacro per l’uomo contemporaneo, presenta una drammaturgia originale concepita per brani e frammenti in cui la narrazione biografica si intreccia alle visioni e alle ‘crisi’ dei «30 passi (o mutazioni)» che l’anima compie per arrivare a Dio. Angela è una donna di 37 anni che, dopo una vita agiata e mondana, perde il marito e i figli e vive il senso di colpa per la sua vita dissipata. Angela è come spettatrice di se stessa, scomposta in tre diverse donne che rappresentano il travaglio della sua interiorità e i tre momenti dell’esperienza mistica: l’irruzione di un estraneo, la resistenza, la cognizione della profondità dell’Essere.
“Io sono non amore” evoca la percezione, cui Angela giunge, dell’unione con Dio: uno stato d’amore e d’intimità profondo, in cui svanisce il soggetto e l’oggetto dell’amore stesso, l’amante e l’amato, per esistere come unità al di fuori di ogni dualismo, purezza assoluta, che se deve esprimersi, può dirsi solo non-amore.

La società dello spettacolo è un gruppo di ricerca teatrale umbro fondato nel 2007 da c.l. Grugher, Marianna Masciolini, Michelangelo Bellani ai quali si unisce nel 2012 Caroline Baglioni. Dall’omonima opera d’esordio tratta da Guy Debord da cui prende nome, si è dedicata a progetti di drammaturgia contemporanea ispirati a testi filosofici e sociologici collaborando fra gli altri con pensatori come Omar Calabrese e Manlio Sgalambro. Carne, terzo elemento di una trilogia dedicata alla filosofia francese contemporanea, è stato prodotto dal Teatro Stabile dell’Umbria. Le sue produzioni sono state ospitate in festival e rassegne nazionali e in residenze artistiche internazionali. Si occupa di pedagogia e formazione teatrale, cura dal 2009 progetti di riabilitazione dedicati al disagio mentale. Realizza documentari, installazioni, live performance. Ha ricevuto il premio Indipendents ad ArtVerona 14 e con  Sòccantare ha vinto il premio come miglior documentario al PerSo Film Festival 2015 nella sezione Umbria in Celluloide.  Nella stagione 2015/2016 ha realizzato due nuovi progetti: Gianni di Caroline Baglioni progetto vincitore del premio Scenario per Ustica2015, spettacolo vincitore premio In-Box 2016 e Io sono non amore sull’esperienza di Santa Angela da Foligno. Dal 2015 grazie al progetto Foligno InContemporanea vincitore di un bando regionale, è Centro di residenza teatrale nell’ambito del progetto nazionale previsto dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali.


La società dello spettacolo

 

venerdì 2 dicembre 2016, ore 18.30
TEATRO BIONDO. SALA STREHLER
Io sono non amore
di Michelangelo Bellani / regia c.l. Grugher / con Caroline Baglioni,
Emanuela Faraglia, Flavia Gramaccioni, Michelangelo Bellani

produzione La società dello spettacolo

Ingresso libero con prenotazione fino a esaurimento posti



box-prenotazione-b


*PRENOTAZIONI

Gli spettacoli in programma presso la Sala Strehler del Teatro Biondo sono a ingresso libero, fino a esaurimento dei posti disponibili. Dato il numero limitato di posti è necessaria la prenotazione.

MODALITÀ

• A partire da mercoledì 23 novembre 2016 | tramite mail (info@teatrobastardo.org), indicando Nome, Cognome, un recapito telefonico, titolo e data dello spettacolo, numero di posti. Le prenotazioni devono essere effettuate entro le ore 13 della data di programmazione di ogni singolo spettacolo. La prenotazione è nominale e resterà valida fino a 30 minuti prima dell’inizio dello spettacolo, dopo questo limite i posti torneranno disponibili.
»Per informazioni 338.6349373.