#TB16 | FESTIVAL TEATRO BASTARDO 2016


FESTIVAL
TEATRO BASTARDO

LA SCENA CONTEMPORANEA
DIVERGENTE

PALERMO
26 novembre / 4 dicembre 2016


» SEZIONE BASTARD JUNIOR
SPETTACOLI RIVOLTI A UN PUBBLICO ADULTO
Finanziata da Comune di Palermo, Assessorato alla Cultura

giovedì 1 dicembre 2016, ore 21.00
TEATRO BIONDO. SALA STREHLER

Gianni
di e con Caroline Baglioni / supervisione alla regia Michelangelo Bellani, c.l. Grugher

produzione La società dello spettacolo

luci Gianni Staropoli
suono Valerio Di Loreto
assistente alla regia Nicol Martini
organizzazione Mariella Nanni
produzione “La società dello spettacolo”

riconoscimenti
Progetto vincitore del Premio Scenario per Ustica 2015
Spettacolo vincitore del Premio In-Box Blu 2016

CLICCA QUI per prenotare
Ingresso libero con prenotazione fino a esaurimento posti


«Era un gigante Gianni. Alto quasi due metri, ma a me sembravano tre e nella mia mente è un film in bianco e nero», questi sono i ricordi infantili dell’autrice, in cui si delinea e sbiadisce l’ingombrante figura dello zio, affetto da gravi disturbi maniaco-depressivi. Quella di Gianni Pampanini è una delle tante voci destinate a restare indecifrabile, muta, dimenticata. Ma Gianni ha inciso tre audiocassette, ritrovate casualmente dalla nipote ormai grande. Su quei nastri “Gianni” ha gridato i suoi desideri, cantato la sua gioia, la sua tristezza.

E IL CONFINE

«In Gianni siamo sempre sul filo, al limite, al confine appunto. Un monologo/dialogo con sé stessi e gli altri contemporaneamente. Cerca il confine Gianni, tra “bene e male, tra parlare e stare zitto, tra scoppiare e scopare, tra masturbarsi e comportarsi, tra essere e avere, tra dubbio e ‘realtà” immerso nella sua stanza. E incide. Credo che Gianni abbia sempre vissuto tra la vita, l’attesa e la morte, sempre in lotta e lucidamente perso tra i confini della sua mente. Una mente illuminata, forse troppo consapevole. Una vita confinata dentro che da dentro passa al fuori tramite voce. E ci è sembrato giusto spezzare quella barriera, portare Gianni fuori dal confine della sua morte, scavalcare quello spazio tempo e dar voce a quella vita tutta fatta di desideri piccoli e immensi, ed uscire finalmente allo scoperto per vivere ancora».

Caroline Baglioni

* credits
residenze artistiche: Auditorium Santa Caterina (Foligno InContemporanea) / L’arboreto / Teatro Dimora di Mondaino. si ringrazia la famiglia Baglioni per il sostegno e la collaborazione

Caroline Baglioni, nata nel 1985 a Perugia, si forma teatralmente sin da bambina presso la scuola Theamus di Lamberto Maggi. Successivamente si diploma come attrice al Centro Universitario Teatrale di Perugia. Nel 2008, lavora nella produzione del Teatro Stabile dell’Umbria Purificati di Sarah Kane per la regia di Antonio Latella. Nel 2010 realizza una regia collettiva insieme a David Berliocchi, Marta Pellegrino, Domenico Viola tratta da Febbre di Sarah Kane. In seguito avvicina l’arte del teatro di figura collaborando con il Tieffeu. Dal 2012 entra a far parte della compagnia “La società dello spettacolo” di c.l. Grugher, Michelangelo Bellani e Marianna Masciolini. Sempre nel 2012 al Teatro Valle occupato, con Antonio Latella, ha iniziato un percorso da drammaturga. Con La società dello spettacolo ha lavorato a Io sono non amore e al progetto Gianni, con cui ha conseguito il premio Scenario per Ustica 15.


 


#TB SOCIAL

minisocial_fb minisocial_tw

#TB16 | FESTIVAL TEATRO BASTARDO 2016


tb16_locandina_gianni


box-prenotazione-b

*PRENOTAZIONI

Gli spettacoli in programma presso la Sala Strehler del Teatro Biondo sono a ingresso libero, fino a esaurimento dei posti disponibili. Dato il numero limitato di posti è necessaria la prenotazione.

MODALITÀ

• A partire da mercoledì 23 novembre 2016 | tramite mail (info@teatrobastardo.org), indicando Nome, Cognome, un recapito telefonico, titolo e data dello spettacolo, numero di posti. Le prenotazioni devono essere effettuate entro le ore 13 della data di programmazione di ogni singolo spettacolo. La prenotazione è nominale e resterà valida fino a 30 minuti prima dell’inizio dello spettacolo, dopo questo limite i posti torneranno disponibili.